Stampa

Cambio dell'olio

L’olio usato è ciò che si recupera alla fine del ciclo di vita dei lubrificanti nei macchinari industriali, ma anche nelle automobili, nelle barche e nei mezzi agricoli di ciascun cittadino.

Se eliminato in modo scorretto, questo rifiuto pericoloso può danneggiare l’ambiente in modo gravissimo: quattro chili di olio usato, il cambio di un’auto, se versati in mare inquinano una superficie grande come un campo di calcio. 

A contatto con l’acqua, l’olio lubrificante usato crea una patina sottile che impedisce alla flora e alla fauna sottostante di respirare. In tutta Italia, delle 431.000 tonnellate di olio lubrificante che sono state immesse al consumo nel 2011, il Consorzio ha raccolto 189.268 tonnellate di oli usati, oltre il 95% del potenziale raccoglibile.

La piccola percentuale che ancora sfugge alla raccolta si concentra nel settore industriale e in particolar modo nel “fai da te” in autotrazione, nautica e agricoltura. “Con la nostra attività di comunicazione - ha concluso Mastrostefano - cerchiamo di modificare i comportamenti scorretti di chi crede che piccole quantità di olio lubrificante disperse nell’ambiente provochino poco inquinamento”.

Dati forniti dal Consorzio obbligatorio degli oli usati (Coou), partner di Goletta Verde, la storica campagna estiva di Legambiente.

I visitatori del sito

049575
OggiOggi4
IeriIeri9
SettimanaSettimana13
MeseMese379
TotaleTotale49575
Powered by Supremo Hosting